Quando il packaging fa le fusa: il rebranding di Milgrad

In Russia i prodotti lattiero-caseari detengono il 22% del mercato dei beni di largo consumo, le aziende sono migliaia e la concorrenza all’interno dei supermercati è alta. Catturare l’attenzione dei consumatori, quindi, è tutt’altro che semplice.

Milgrad, che non cambiava il suo aspetto da anni, ha deciso allora di rivolgersi all’agenzia Depot nella speranza di riuscire a distinguersi dai competitor e spiccare meglio tra gli scaffali. Alla fine ne è uscito un rebranding davvero bello che ha fatto parlare molto di sé.

Rebranding Milgrad

Per colpire il consumatore l’agenzia ha pensato di puntare su qualcosa generalmente riconosciuto come carino e amorevole, e chi meglio di un gatto?

L’illustrazione parte da un lato della confezione e continua dall’altro, così è possibile interagire con essa direttamente dalla disposizione sugli scaffali del supermercato.

“Abbiamo iniziato il nostro lavoro ridisegnando i principali prodotti della categoria lattiero-casearia. È stato molto importante mantenere il codice colore principale: bianco per il latte, verde per il kefir e marrone chiaro per il burro di latte. Ci è venuta l’idea minimalista di riempire lo sfondo con un colore bianco solido e di differenziare gli alimenti cambiando il colore dei caratteri. Il simpatico gatto infine appare su ogni prodotto sempre con la stessa tonalità di blu.” (Vera Zvereva, Art Director di Depot)

Rebranding Milgrad

Il nuovo logo è stato sviluppato in uno stile leggero e moderno.
Inoltre, la forma del muso dell’animale si è rivelata perfetta in quanto stato possibile trasformarla in una grande “M”: quella di “Milgrad” e quella di “Milk

Insomma, un packaging che si fa senza dubbio notare!
E voi? Se vi trovaste davanti il solito latte dal packaging anonimo e accanto quello della Milgrad, quale scegliereste?

Milgrad

+1
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp