Il nuovo progetto “Hand in Hand” di Fendi esalta l’artigianato Made in Italy

La designer di moda Silvia Venturini Fendi, ha deciso di collaborare con artigiani provenienti da ogni regione italiana per trasformare l’iconica borsa ‘Baguette‘ della Maison in un’opera d’arte. L’obiettivo, come lei stessa afferma, è quello di:

“Esplorare ogni regione italiana, selezionando gli artigiani migliori e, successivamente, estendere il progetto a tutto il mondo”.

Il progetto

Il termine “Hand in Hand” simboleggia il passaggio di mani dall’atelier Fendi a quello degli artigiani e l’incontro con la creatività locale. All’interno di ogni borsa infatti sono incisi i nomi dell’artigiano o atelier che ha provveduto alla lavorazione.

Limited Edition
Una Baguette Limited Edition per ogni regione italiana. Fonte: Fendi

Per ogni regione italiana è stato sviluppato un solo modello Baguette con lavorazioni e decorazioni tipiche del luogo. Le borse verranno proposte in un’edizione limitata di sole 20 copie l’una per esaltarne l’esclusività.

Emilia Romagna

In collaborazione con il il laboratorio Akomena Spazio Mosaico di Ravenna, Fendi ha progettato una Baguette che si ispira ai mosaici della tradizione bizantina. Nello specifico, si è deciso di rappresentare le stelle a otto punte che decorano la volta del mausoleo di Galla Placidia.

Borsa Fendi
Baguette Emilia Romagna. Fonte: Fendi

Friuli Venezia Giulia

In Friuli è stata sviluppata una collaborazione con Carnica Arte Tessile, una realtà a conduzione familiare che produce jacquard in lino e cotone, lavorazione tipica della zona fin dal ‘700. Le trame e i decori floreali sono diretta ispirazione del paesaggio montano della Carnia.

borsa
Baguette Friuli Venezia Giulia. Fonte: Fendi

Sicilia

Per la Sicilia è stata scelta Trapani, città dalla lunga tradizione orafa. Questa Baguette è stata infatti creata in argento e decorata con coralli, tecnica tipica della zona.

Borsa
Baguette Sicilia. Fonte: Fendi

Trentino Alto Adige

L’atelier di terza generazione Federkielstickerei Thaler ha utilizzato come tecnica il ricamo con le piume di pavone, detto: ‘Federkielstickerei’. Questa pratica di origine medievale, consiste nel decorare la pelle con penne di pavone, ottenendo una decorazione in rilievo.

Borsa
Baguette Trentino Alto Adige. Fonte: Fendi

Puglia

In Salento, l’atelier Dodino di Nardò ha utilizzato il ricamo al chiacchierino“, merletto tipico della zona, per decorare la sua versione della Baguette.

Borsa
Baguette Puglia. Fonte: Fendi

Valle d’Aosta

Nel comune di Champorcher, la cooperativa femminile Lou Dzeut ha rilanciato la tessitura a mano della canapa, ricamata con i tradizionali motivi rossi: floreali e geometrici. È proprio questa la tecnica utilizzata per la realizzazione della Baguette.

Borsa
Baguette Valle D’Aosta. Fonte: Fendi

Veneto

In collaborazione con la Tessitura Luigi Bevilacqua di Venezia, Fendi ha sviluppato una Baguette in jacquard con motivi floreali. Il broccato, tessuto simbolo della famiglia e del capoluogo di regione, è filato a mano su telai di legno del XVIII secolo.

Borsa
Baguette Veneto. Fonte: Fendi

Artigianato e Made in Italy

Il progetto celebra l’artigianato locale ed esalta le peculiarità delle singole regioni italiane.

Come Slivia Venturini Fendi afferma:

“La moda spesso si concentra sullo stilista, ma io penso che sia giunto il momento di omaggiare la comunità di artigiani che si cela dietro a queste creazioni straordinarie. Questo impegno per preservare e tramandare le tradizioni artigianali è un dovere culturale che Fendi è lieta di assumersi”.

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Facebook
Advertising

Come individuare i giusti KPI per Facebook ADS

Impostare le campagne Facebook correttamente richiede preparazione e abilità affinché siano performanti, ma come valutare successivamente i dati raccolti per definire l’efficienza dei propri annunci?

Leggi »