AKQA è la prima pubblicità italiana su TikTok

AKQA, un’agenzia di design e comunicazione statunitense fondata nel 2001 a San Francisco, conta oggi circa 2200 dipendenti nelle 29 sedi sparse in tutti e cinque i continenti. Dopo aver collaborato con grandi brand come Netflix, con la campagna “One Story Away”, e Lavazza per la realizzazione del nuovo sito web, questa volta l’agenzia si è resa ambassador della prima pubblicità italiana di TikTok.

Lo spot in televisione è in onda dal 16 aprile e continuerà ad essere trasmesso per 6 settimane, con video della durata di 6, 15, 20 e 45 secondi.

TikTok
Fonte: Engage

“Se lo immagini, è tutto qui”

La campagna nasce con l’intento di valorizzare la community di creator italiana presente su TikTok, che ha raggiunto nel tempo risultati straordinari grazie alla creazione di contenuti divertenti, educativi e di alta qualità. Per omaggiare la variegata community, l’agenzia ha scelto uno slogan che accompagna tutta la pubblicità: “Se lo immagini, è tutto qui“.

Il video si apre con la tiktoker italo-coreana Dayoung Clementi e, tra contenuti culinari, canori, di puro intrattenimento, si chiude con la vista di un grande pubblico che applaude all’Arena di Verona, non prima di aver reso omaggio anche ai nonni più famosi di TikTok: nonno Severino e nonna Imma.

Riguardo questo lancio, James Rothwell, capo dell’ufficio marketing Europa di TikTok, ha dichiarato:

“Dai nonni saggi ai talentuosi cuochi, siamo orgogliosi di vedere come la nostra community italiana continui a crescere e a evolversi nel tempo […]. La campagna vuole essere una celebrazione di questa variegata e straordinaria community, evidenziando, al contempo, il nostro forte investimento nell’Italia e il nostro costante impegno per costruire un ambiente positivo, sicuro e inclusivo per tutti”.

Mentre AKQA si è occupata della creatività, la strategia media della campagna è stata affidata a Zenith di Publicis Media, che già nel secondo semestre del 2020 era stata scelta come agenzia media globale di TikTok.

+1
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp